The Best Day Trips from Naples: 10 Cities & Towns to See

Naples is one of the most incredible cities in Italy, but oh man, can it be overwhelming at times. Fortunately, there are many beautiful places that can easily be visited as day trips from Naples. From coastal beauties to lesser-known museums, all of them are great destinations to get away from the city and see more of the region.

Napoli è una delle città più incredibili d’Italia, ma si sa, a volte ci si può sentire sopraffatti. Fortunatamente ci sono molti bei posti che possono essere facilmente visitati con una gita fuori porta da Napoli. Dalle bellezze costiere ai musei meno conosciuti, sono tutte ottime destinazioni per allontanarsi dalla città ed esplorare la regione.

day trips from naples - 10 cities and towns to see

This article is part of our Bilingual Blog series, where we share useful information and tips about non-language related aspects of Italian culture such as food, music, travel and more. These articles have been written in Italian and English to give our readers the opportunity to improve their reading skills whilst learning something new about Italy.


Amalfi Coast

Costiera Amalfitana Coast

Let’s start with the obvious (for good reason). When considering a day trip from Naples, the Amalfi Coast is one of the first places that comes to mind. Dripping with beauty everywhere, this Unesco-listed stretch of coast is a mesmerising concentration of colours, cobblestone staircases, lemon groves, secluded beaches, and all the sunny Southern Italy charm you could dream of. Skip the car and hire a driver-guide instead if you don’t want to spend your time praying not to find a bus at every curve.

Here’s a tip: visit Conca dei Marini, a tiny fishing village with a spectacular sea cave with incredible colours, the Emerald Grotto. 

Cominciamo con la destinazione più ovvia (per un buon motivo). Quando si pensa a una gita fuori porta da Napoli, la Costiera Amalfitana è uno dei primi posti a cui si pensa. Stracolmo di bellezza, questo tratto di costa dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco è un meraviglioso concentrato di colori, scalinate di ciottoli, limonaie, calette e tutto il fascino di questo angolo d’Italia baciato dal sole che hai sempre sognato. Evita di guidare e noleggia una macchina con autista se non vuoi passare il tempo pregando di non trovare un autobus dietro ad ogni curva.

Consiglio: visita Conca dei Marini, un piccolo villaggio di pescatori con una spettacolare grotta marina dai colori incredibili, la Grotta dello Smeraldo.

Atrani, Italy along the Amalfi Coast at dusk.

Sorrento

Sorrento

No, even though it’s close to the Amalfi Coast, Sorrento isn’t part of it. Therefore, it deserves its own entry. On the Sorrentine Peninsula, this charming coastal town has the same beachy vibe as the Amalfi Coast, but with its own unique charms: think noble palaces, the most beautiful provincial museum in Italy (the Correale Museum), and the Bagni Regina Giovanna, a natural swimming hole on the site of a Roman villa. With boating adventures, scrumptious meals, and tons of shopping, this is the perfect day trip from Naples.

Here’s a tip: you can dine under an enchanting lemon grove at O’Parrucchiano, a historic restaurant where cannelloni (large tube-shaped stuffed pasta) were invented.

No, anche se vicina alla Costiera Amalfitana, Sorrento non ne fa parte. Pertanto, merita una sezione a parte. Ubicata lungo la Penisola Sorrentina, questa affascinante cittadina costiera ha la stessa atmosfera da spiaggia della Costiera, ma ha un fascino tutto suo che include palazzi nobiliari, il più bel museo di provincia d’Italia (il Museo Correale) e una piscina naturale nel sito di un’antica villa romana (i Bagni Regina Giovanna). Con avventure in barca, pasti deliziosi e tonnellate di shopping, questa è la perfetta gita di un giorno da Napoli.

Consiglio: puoi cenare in un incantevole limoneto da O’Parrucchiano, storico ristorante dove sono stati inventati i cannelloni.

Meta di Sorrento, Naples, Campania, Italy: view of the coast in summer

Caserta

Caserta

Located north of Naples, Caserta is home to one of the world’s largest royal palaces. Built for the Bourbons in the 18th century, this gem of Baroque architecture was designed to rival Versailles. And with 1,200 rooms, a court theatre, 120ha of gardens and a total length of about 4km, it certainly did. In addition to Caserta’s most iconic attraction, make sure to stop by the San Leucio complex, where the Bourbons built a renowned silk factory, and Caserta Vecchia, the medieval heart of the city situated atop a hill. Its rustic simplicity and the sense of silence it exudes will captivate you!

Here’s a tip: on the outskirts of Caserta, Santa Maria Capua Vetere hosts the second-largest Roman amphitheater after the Colosseum and a school of gladiators where Spartacus initiated the slave revolt.

Situata a nord di Napoli, Caserta ospita uno dei palazzi reali più grandi del mondo. Costruito per i Borboni nel XVIII secolo, questo gioiello dell’architettura barocca fu progettato per competere con Versailles. E con 1.200 stanze, un teatro di corte, 120 ettari di giardini e una lunghezza totale di circa 4 km, ci è sicuramente riuscito. Oltre all’attrazione più iconica di Caserta, fermarti al complesso di San Leucio, dove i Borboni costruirono una rinomata seteria, e Caserta Vecchia, il cuore medievale della città in cima a una collina. La semplicità e il silenzio che pervadono questo luogo ti conquisteranno!

Consiglio: vicino a Caserta, Santa Maria Capua Vetere ospita il secondo anfiteatro romano più grande dopo il Colosseo, con la scuola di gladiatori dove Spartaco guidò la rivolta degli schiavi.

Facade of the Royal Palace of Caserta, Italy

Pompeii

Pompeii

Take the Circumvesuviana train for a half-hour ride to Pompeii, the world’s most spectacular ancient Roman city. It was founded in the 8th century AD and, at its peak, it was a thriving port centre of up to 20,000 people. After Mt Vesuvius exploded, 6 meters of volcanic ash buried the city, freezing everything in time and giving us amazing insights into Roman society: how they lived (high society had some pretty cool domus), what they ate (street food was already a big deal), how they earned their living (trade, but also craftsmanship, prostitution), and what they did in their free time (from lingering in thermal baths to watching gladiator shows at the amphitheatre). In a word: fascinating! For a better understanding of what you see, join a tour or hire a guide.

Here’s a tip: on the way back to Naples, get off at Torre Annunziata and visit the lavish villa of Emperor Nero’s second wife Poppea, boasting some of the most stunning frescoes found in the area.

Prendi il treno della Circumvesuviana e in mezz’ora arrivi a Pompei, l’antica città romana più spettacolare del mondo. Fu fondata nell’VIII secolo a.C. e, al suo apice, era un fiorente centro portuale di 20.000 abitanti. Quando il Vesuvio esplose, 6 metri di cenere vulcanica seppellirono la città, fermandola nel tempo e regalandoci così un incredibile spaccato della società del tempo: come si viveva (l’alta società aveva delle domus piuttosto interessanti), cosa si mangiava (lo street food era già molto diffuso), come ci si guadagnava da vivere (commercio, ma anche artigianato e prostituzione), e cosa si faceva nel tempo libero (dal relax nelle terme agli show dei gladiatori nell’anfiteatro). In una parola: meraviglioso! Per capire meglio ciò che si vede, consiglio di partecipare a un tour o affidarsi ad una guida.

Consiglio: tornando a Napoli, scendi a Torre Annunziata e visita la sontuosa villa della seconda moglie dell’imperatore Nerone, Poppea, con alcuni degli affreschi più belli della zona.

ruins of Pompeii , which was destroyed and buried during the eruption of Mount Vesuvius in 79 AD

Herculaneum

Ercolano

Like Pompeii, Herculaneum was a thriving Roman town on the coast and was hit by the volcanic eruption. So, why visit it when there is already a very famous one? Because although they shared the same dark fate, the degree of preservation in Herculaneum reached a new high since the city was buried differently. So, while in Pompeii you might have to use your imagination sometimes, in Herculaneum everything’s clear and visible. You can still find intact two-story houses, original wooden furniture, shop fittings, and even remains of food and clothing.

Here’s a tip: a short walk from the park entrance is the Virtual Archeological Museum, which has an interactive exhibition that kids will love.

Come Pompei, anche Ercolano era una fiorente città costiera romana e fu colpita dall’eruzione vulcanica. Allora, perché visitarla quando c’è già un centro famosissimo da vedere? Perché pur condividendo lo stesso tetro destino, il grado di conservazione di Ercolano è di gran lunga superiore poiché la città fu sepolta in modo diverso. Quindi, mentre a Pompei a volte è necessario ricorrere a un pò d immaginazione, a Ercolano tutto è perfettamente chiaro e ben visibile. Si possono ancora vedere case a due piani intatte, mobili in legno originali, arredi di negozi e persino resti di cibo e vestiti.

Consiglio: a pochi passi dall’ingresso del parco c’è il Museo Archeologico Virtuale con un percorso interattivo che i bambini adoreranno.

Wall Mosaic of Neptune and Amphitrite from Herculaneum

Salerno

Salerno

Not only is Salerno a great base for exploring the Amalfi Coast, but it’s also a fantastic destination in its own right. Its streets offer plenty of sights to enjoy, including lots of beautiful street art scene and a marvellous botanical garden where students of the historic Salerno Medical School (the oldest in the world!) once studied the medicinal herbs. You’ll also find plenty of unofficial landmarks to discover, from independent shops to quaint cafés. And once you’ve had your fill of urban exploration, grab a gelato and join locals on their ritual passeggiata on the scenic palm-lined seafront promenade.

Here’s a tip: when visiting Salerno’s Cathedral, make sure you go downstairs to the crypt – its beauty will leave you speechless!

Non solo Salerno è un’ottima base per esplorare la Costiera Amalfitana, ma è anche una fantastica destinazione di per sé. Le sue strade custodiscono molti luoghi da ammirare, tra cui tanta bellissima street art e un meraviglioso giardino botanico dove gli studenti della storica Scuola Medica Salernitana (la più antica del mondo!) studiavano le erbe medicinali. Troverai anche tante piccole chicche, tra negozi indipendenti e pittoreschi caffè. E dopo aver fatto il pieno di esplorazioni urbane, prendi un gelato e unisciti alla gente del posto nella rituale passeggiata lungo il pittoresco lungomare fiancheggiato da palme.

Consiglio: quando visiti il ​​Duomo di Salerno, assicurati di scendere nella cripta: la sua bellezza ti lascerà senza parole!

Aerial view of Salerno in Italy at sunset

Capri

Capri

Heaven exists and it’s only an hour ferry ride away from Naples! It’s got wild cliffs plunging into the bluest waters, whitewashed houses draped in boungaville, and a dress-code that screams chic sophistication. Streets are marked with hand-painted ceramic signs, and everywhere you look, you’ve got sweeping views – the kind that makes you wonder if you’ll ever take the ferry back. Still haven’t booked those tickets?

Here’s a tip: don’t limit your visit to Capri town centre, but check out Anacapri (the other town on the island) and take the chairlift up Monte Solaro to discover a different, quieter side of Capri.

Il paradiso esiste ed è a solo un’ora di traghetto da Napoli! Ha selvagge scogliere che si tuffano in acque dal colore blu profondo, edifici bianchi decorati con boungaville e un dress code dallo stile chic e raffinato. Le strade sono segnalate da cartelli in ceramica dipinta a mano e ovunque si guardi, si è circondati da panorami mozzafiato che spingono a chiedersi se mai si prenderà il traghetto per tornare indietro. Non hai ancora prenotato quei biglietti?

Consiglio: non limitare la tua visita al centro di Capri, ma visita anche Anacapri (l’altro paese dell’isola) e prendi la seggiovia che porta al Monte Solaro per scoprire un lato diverso e più tranquillo di Capri.

Aerial view of Capri Island in Italy

Ischia

Ischia

There’s nothing like soaking in the soothing hot springs of Ischia. The island has long been a local hot spot for wellness holidays and is one of the best places to see near Naples. Beyond its thermal spas, Ischia offers tons of things to do, so you can plan your day trip based on your interests. How about a nice little beach and a leisurely lunch by the sea? Check. Do you want a day of pampering and relaxation surrounded by thermal pools and fountains? Check. Are you up for more sightseeing? Check. Looking for an outdoor adventure with breathtaking views? Check. 

Here’s a tip: you may think Ischia’s cuisine is all about seafood, but one of the most revered dishes is actually meat-based. It’s called Ischian rabbit stew and its scrumptious sauce is often used to dress pasta.

Non c’è niente di più bello che immergersi nelle rilassanti sorgenti termali di Ischia. L’isola è da sempre un punto di riferimento per vacanze all’insegna del benessere ed è uno dei posti migliori da vedere vicino a Napoli. Oltre alle sue terme, Ischia offre tantissime cose da fare, quindi puoi pianificare la tua gita fuori porta in base ai tuoi interessi. Che ne dici di una bella spiaggetta e di un piacevole pranzo in riva al mare? Hai voglia di una giornata di coccole e relax tra piscine e fontane termali? Vuoi esplorare  pronto per altre visite turistiche? Sei alla ricerca di un’avventura all’aria aperta con panorami mozzafiato? Tutto è possibile.

Consiglio: si è portati a pensare che la cucina dell’isola sia tutta di pesce, ma in realtà uno dei piatti più apprezzati è a base di carne. Si tratta del coniglio all’ischitana e il suo delizioso sugo viene spesso utilizzato per condire la pasta.

Ischia, Italy with Aragonese Castle in the Mediterranean at dawn.

Pietrarsa

Pietrarsa

For a day trip from Naples that will delight kids and adults alike, head to Pietrarsa. Just a half-hour train ride from Naples, this place may sound unfamiliar to most, but it’s home to a little Italian treasure: the National Railway Museum. A magical places where you can discover old engines, machineries, models, and railway equipment. This museum occupies the Bourbon factory where the Italian railway history began, with the inauguration of the country’s first rail line (Naples to Portici) in 1839. Highlights include the 1920s Royal Train designed by Fiat for the Savoy family, and a virtual tour that brings Italy’s very first locomotive back to life.

Here’s a tip: from the museum, you can walk 20 minutes to the Royal Palace of Portici, the beautiful estate built by the Bourbons in 1738 and a stop on the Grand Tour.

Per una gita fuori porta da Napoli con cui far felici grandi e piccini, vai a Pietrarsa. A solo mezz’ora di treno da Napoli, questo paese risulterà certamente sconosciuto ai più, ma ospita un piccolo tesoro italiano: il Museo Nazionale Ferroviario. Un luogo magico che permette di scoprire vecchi motori, macchinari, modelli e attrezzature ferroviarie. Il museo occupa la fabbrica borbonica dove iniziò la storia delle ferrovie italiane, con l’inaugurazione della prima linea ferroviaria del paese (Napoli-Portici) nel 1839. Le attrazioni principali includono il Treno Reale degli anni ’20 progettato dalla Fiat per i Savoia e un tour virtuale che riporta in vita la prima locomotiva d’Italia.

Consiglio: dal museo, in 20 minuti a piedi, si raggiunge la Reggia di Portici, la bellissima tenuta costruita dai Borboni nel 1738 che diventò una tappa del Grand Tour.


Pozzuoli

Pozzuoli

For something a bit different, head to the lovely coastal town of Pozzuoli to see the Phlegrean Fields, a unique volcanic area rich in history and natural wonders. You’ll find bubbling mudholes, craters, volcanic lakes, fumaroles, clouds of sulphurous steam, and small caves filled with hot steam that the ancient Romans used as saunas. Sightseeing-wise, in Pozzuoli you’ll find the third-largest Roman amphitheater in Italy, and one of the most impressive examples of ancient Roman food markets.

Here’s a tip: you can get to Pozzuoli with the Ferrovia Cumana rail or line 2 of the metro in about half an hour.

Per qualcosa di un po’ diverso, visita l’incantevole cittadina costiera di Pozzuoli per vedere i Campi Flegrei, un’area vulcanica unica, ricca di storia e meraviglie naturali. Troverai polle fango gorgogliante, crateri, laghi vulcanici, fumarole, nuvole di vapore sulfureo e piccole grotte piene di vapore caldo che gli antichi romani usavano come saune. Tra le cose da vedere, a Pozzuoli  puoi ammirare il terzo anfiteatro romano più grande d’Italia e uno degli esempi più incredibili di antico mercato alimentare romano.

Consiglio: puoi arrivare a Pozzuoli con la Ferrovia Cumana o la linea 2 della metropolitana in circa mezz’ora.

Valentina is a travel writer in love with her country. Having travelled widely around the globe, she realised there was more to explore closer to home and decided to put the passport aside for a while. You can follow her adventures around Italy on her blog myitaliandiaries.com.


Sign up for a free trial of LingQ (affiliate link), the app I use to improve my Italian vocabulary, and receive an additional 100 LingQs which can be used before needing to upgrade!

Read our full review of LingQ and find out why we love it so much!


Leave a Comment